Le pesche sciroppate


Frutta in vaso

Abbiamo un' alta possibilità di conservare i sapori dell' estate ,  facendo la frutta sciroppata , in questo caso vi parlo delle pesche ma possiamo usare qualunque tipo di frutta , prugne , pere , deve solo non essere matura e morbida altrimenti quando la utilizziamo sarà troppo morbida e si sfalderà senza mantenere la forma
Le pesche si prestano molto a questo utilizzo , ma esiste una particolare qualità proprio  adesso alla fine della stagione estiva abbiamo le pesche Percoche , una varietà che serve proprio per fare le pesche sciroppate , sono di fibra più consistente e nonostante l' ammollo nello sciroppo mantengono la loro croccantezza e il loro  profumo . Ci sono alcune cose da sapere prima di apprestarsi a fare la frutta sciroppata

1 . Utilizzate vasetti di vetro di una grandezza media perchè senza conservanti una volta aperti , possono rimanere massimo 2 giorni in frigorifero e mi raccomando sterilizzateli prima di usarli . Un modo veloce di sterilizzare è il forno Sistemate tutti i vasetti lavati e asciugati sulla placca del forno , accendete a 120 gradi e manteneteli all' interno per 15 minuti , poi aprite lo sportello e lasciateli raffeddare prima di utilizzarli.
2 . Lavorate in un piano di  cucina ben pulito e con attrezzi prima bolliti per 10 minuti in acqua
3 . Lavate bene la frutta da utilizzare
4 . Non esitate a fare il Bagno Maria dopo la chiusura del vasetto , vi consente una lunga conservazione e vi evita molti problemi , nella ricetta vi spiegherò come fare

Le pesche sciroppate possono essere gustate da sole con il proprio sciroppo o utilizzate per fare dolci e decorazioni , a colazione in inverno forniscono una buona quantità di zuccheri naturali per affrontare la giornata



ricetta per 4 vasetti da 500 gr

3 kg di pesche Percoche
2 litri di acqua
1 kg di zucchero

4 vasetti di vetro da mezzo litro con tappo a chisura ermetica

  1. Lavare bene le pesche e disinfettare i vasetti nel forno
  2. Preparare lo sciroppo facendo bollire l'acqua , poi aggiungere lo zucchero e mescolare per farlo sciogliere bene , mentre aspettate che si intiepidisca ,
  3. pelare la frutta e tagliarla a spicchi
  4. Riempire i vasetti avendo cura di non lasciare spazi vuoti e fermarsi circa a 3 cm dall' imboccatura
  5. Riempire il vasetto con lo sciroppo tiepido fino a coprire appena la frutta
  6. Chiudere bene stretto il tappo ermetico e sistemare i vasetti in una pentola capiente , utilizziamo gli strofinacci da cucina per evitare che si tocchino
  7. Riempiamo la pentola di acqua tiepida fino al collo dei vasi , mettiamo il coperchio e accendiamo portando a bollitura con una fiamma media
  8. Da quando inizia a bollire aspettiamo 20 minuti e spegniamo la fiamma , senza aprire la pentola aspettiamo di prendere i vasetti una volta che tutto si sarà raffreddato , ed ecco il bagno Maria che fa uscire l' aria  dai vasetti e ci permette di tenere anche 2 anni le pesche sciroppate in dispensa


Commenti

Nelly ha detto…
Non so perché ma la frutta sciroppata non ha mai avuto fascino su di me.

seguimi in Instagram

post più popolari

Modulo di contatto se vuoi scrivermi una mail

Nome

Email *

Messaggio *